Whole School: 07/12/2018 (Italiano)

Cari genitori,

Abbiamo iniziato il mese di dicembre con una serie di interessanti iniziative e incontri. Ringrazio i genitori che hanno partecipato al Back to Learning Day, alla presentazione della High School e all’incontro dedicato alla preparazione universitaria. La book fair organizzata nell’atrio ha avuto un gran successo, grazie per la partecipazione. Siamo stati allietati dalla MYP Music Night mentre fervono i preparativi per il PYP Winter Show sotto la straordinaria direzione di Ms. Whittle. I ragazzi più grandi stanno organizzando una Movie Night e un High School Aperitivo. Attendo di incontrarvi per gli eventi delle prossime settimane: il coffee morning del martedì, i winter shows e la PTA Quiz/ Trivia night.

Nel frattempo auguro a tutti voi un sereno weekend e porgo cordiali saluti,

Emanuela Ferloni
Head of School

Safeguarding e EduCare- formazione per ISC staff

Ci sono una serie di sfide che le scuole internazionali devono affrontare quando si tratta di salvaguardia e protezione dei minori, ma nessuna di queste sfide può essere una scusa per non mettere in atto una politica di salvaguardia e renderla parte integrante della cultura scolastica.

Ogni scuola internazionale dovrebbe avere una politica di salvaguardia dei minori, un codice di condotta e efficaci misure di segnalazione in atto. Questo non significa semplicemente avere una serie di documenti su uno scaffale; si tratta di avere procedure e una cultura per cui vengono implementate e praticate giorno dopo giorno da ogni singolo membro della scuola, in ogni area operativa. Tutti i dipendenti della scuola, compreso chi lavora negli uffici e nei servizi accessori, come la mensa e le pulizie, hanno il dovere di prendersi cura dei bambini nella loro scuola.

Fornendo ad ogni membro del personale scolastico una formazione adeguata, in modo che sappiano cosa fare in caso di sospetto, adottiamo uno spirito di vigilanza che diventa una prima linea di difesa. Se la scuola si basa su questo approccio nelle sue pratiche di leadership e supporto, allora la scuola sarà visibilmente un’organizzazione di protezione dei minori proattiva.

Al fine di mettere in atto appieno la nostra Safeguarding Policy, è stato richiesto a tutto il personale scolastico di seguire dei corsi specifici con una organizzazione specializzata “EduCare”. La piattaforma online offre fino a 25 moduli di formazione e approfondimento che stiamo seguendo a diversi livelli. A titolo esemplificativo vi riporto il titolo di alcuni moduli che sto personalmente seguendo:

  • IL DOVERE DELLA PREVENZIONE
  • IGIENE ALIMENTARE E SICUREZZA
  • BENESSERE MENTALE NEI BAMBINI E NEI GIOVANI
  • AFFRONTARE IL LUTTO E LA PERDITA
  • VIOLENZA SESSUALE E MOLESTIE TRA I BAMBINI EI GIOVANI
  • SENSIBILIZZARE SULL’ ABUSO TRA PARI
  • IL BAMBINO TRASCURATO PER SCUOLE INTERNAZIONALI
  • PROTEZIONE DEL BAMBINO NELLO SPORT E NEL TEMPO LIBERO ATTIVO
  • PRIMO SOCCORSO PER SCUOLE INTERNAZIONALI

Le scuole internazionali operano sotto diversi governi e, di conseguenza, devono affrontare legislazioni diverse (come l’età del consenso), nonché diversi standard, comportamenti e fornitura di supporto. Nel nostro caso siamo sotto la legislazione italiana, anche se le nostre policies racchiudono anche tutti gli standards in vigore in UK.

Iniziativa di Beneficienza – Christmas Shoe Box

Abbiamo accolto a braccia aperte la proposta arrivata da alcuni nostri studenti e insegnanti per un’iniziativa di beneficienza nel periodo natalizio. Come sempre la nostra attenzione è rivolta soprattutto ai bambini che vivono in condizioni disagiate e non sono così fortunati come noi. Abbiamo incontrato i responsabili del centro Punto Cometa e con loro abbiamo messo a punto un progetto chiamato “Christmas in a Shoebox”. L’Associazione Punto Cometa (http://www.puntocometa.org/home) offre un aiuto concreto alle famiglie con figli e ai nuclei mono-parentali in difficoltà. Tutti i giorni, in accordo con i Servizi sociali, 120 bambini trovano fuori da scuola i pulmini di Cometa che li accompagnano al centro, dove trovano il calore di una casa e un contesto educativo di crescita, grazie alla presenza sia delle famiglie che di educatori professionali.  Ci siamo impegnati a consegnare a questa associazione 120 regalini ben nascosti in scatole da scarpe, preparati con attenzione dai nostri studenti. Lo Student Council sarà attivamente coinvolto in questa iniziativa e consegnarà le scatole direttamente al centro nella mattinata del 19 dicembre.

Chiediamo agli studenti di prendere una scatola da scarpe vuota, avvolgerla in carta regalo e riempirla in generale con prodotti piccoli e semplici e poco costosi che un bambino possa desiderare di aprire il giorno di Natale. Esempi: matite, libri da colorare, un peluche, un gioco, una sciarpa o un cappello in modo che il bambino possa uscire e giocare stando al caldo. Vi chiediamo inoltre di specificare la fascia di età (tra i 6 ed i 14 anni) e il sesso del bambino a cui è destinata la tua scatola.
Le scatole saranno raccolte a scuola e poi consegnate a Punto Cometa poco prima di Natale. I rappresentanti degli studenti parleranno direttamente con tutti gli compagni per discutere di questa iniziativa e fornire ulteriori informazioni.

Christmas Shoe Box 2018

do not include

Ci auguriamo di poter continuare la collaborazione con questa associazione, attivando altre iniziative per il Service as Action del programma MYP e il CAS nel Diploma Programme.

Communication Policy

Vorrei ribadire ancora una volta l’importanza di mantenere una comunicazione aperta e efficiente tra scuola e casa, scegliendo i canali e le modalità più adeguate. Avete ricevuto via mail l’estratto della nostra Communication policy, nei punti che riguarda la comunicazione con le famiglie.

In particolare vorrei soffermarmi sull’importanza di utilizzare i social media, quali i gruppi WhatsApp, mantenendo toni adeguati, rispettosi e professionali. Invitiamo sempre le nostre famiglia a discutere direttamente con noi problemi o preoccupazioni.  I genitori possono porre domande o preoccupazioni riguardanti l’esperienza educativa del loro bambino prima al loro insegnante di classe e successivamente ai membri del Leadership team. Ci si aspetta che insegnanti e leadership rispondano in modo tempestivo, comunque entro le 48 ore, riservandosi il tempo per poter raccogliere le necessarie informazioni e stabilire i passi successivi. Tuttavia, per rispettare l’equilibrio tra lavoro e vita privata, le risposte dopo le ore 18:00 e nei fine settimana non sono considerate usuali.

Sono certa di poter contare sulla vostra comprensione e collaborazione.

Commissione mensa

La scorsa settimana si è riunita la commissione mensa alla presenza della responsabile e della dietista del gruppo di ristorazione Serenissima che hanno illustrato l’ampiamento degli spazi cucina e la loro organizzazione. Abbiamo ricevuto il report aggiornato dei prodotti biologici in uso. Chi fosse interessato a visualizzarlo può richiederlo ai genitori della commissione (Ms. Trombini T-G3, Ms. Fugazzi G6-G8, Ms Rigamonti G4-G6, Ms. Consonni G7-11, Ms. Rivera Ruiz G6-G8-G10) E’ stato ampliamente discusso come vengono trattate le diete speciali per allergie e intolleranze, per cui è richiesto certificato medico. Abbiamo richiesto di rivedere l’abbinamento dei cibi nel menù di alcuni giorni e di introdurre alcune giornate con menù a tema internazionale. Alla commissione hanno partecipato anche due studenti del Grade 6 che hanno bene espresso i punti di vista e i desideri dei loro compagni dell’Upper Elementary: vorrebbero poter scegliere in modo responsabile, come fanno i grandi, cosa e quanto mangiare.

19 Gennaio – Tutti a scuola!

Come più volte annunciato, il calendario scolastico di quest’anno prevede un giorno di scuola nella giornata di sabato. Evidenziate sul calendario il 19 gennaio, giornata in cui le lezioni saranno operative dalle ore 8:30 alle 13.45. In quella mattinata la scuola aprirà le porte anche a visitatori esterni. Verrà garantito il regolare servizio bus e il pranzo.  Questo giorno è calcolato come effettivo giorno di scuola.